14 febbraio 2017

Semplice come un uovo

_DSC8655-uova
E così oggi, 14 febbraio, mentre sulla blogosfera impazzano dolci al cioccolato e tortine a forma di cuore io me ne esco così. Scusate, ma è più forte di me.. io per certe "smancerie" non sono proprio portata, il 14 febbraio per quanto mi riguarda è solo l'occasione per ricordarmi di fare gli auguri a mia cugina per il suo onomastico e nulla di più.. aborro le cenette a lume di candela, una volta ad un fidanzatino della mia giovane età ho letteralmente sfasciato in testa il mazzo di rose rosse con cui si era presentato il giorno di San Valentino (più che altro perché se c'è un fiore che proprio non amo sono le rose rosse...)... che ci volete fare, certe ricorrenze non fanno proprio per me, non giudico chi nasconde sorprese in scatoline a forma di cuore e si presenta con i fiori in questo giorno, ma per me anche no, grazie...

Ma se proprio dobbiamo parlare d'amore, ecco la mia dichiarazione d'amore, gastronomicamente parlando, è per le uova. Non esito un solo istante quando mi chiedono quale sia il mio cibo preferito, senza dubbi: le uova. Le trovo un alimento non solo perfetto e insostituibile dal punto di vista nutrizionale, ma uno degli ingredienti (se così lo vogliamo definire) più versatili che esistano in cucina. Mi piacciono veramente cucinate e abbinate in tutti i modi possibili, oltre ad essere esteticamente di una perfezione inarrivabile.
Quindi oggi, 14 febbraio, San Valentino, canto la mia ode d'amore alle mie amatissime uova!

uova con funghi e groviera
coltello Opinel
fgnrhgoerh


CROSTONE CON FUNGHI PORTOBELLO, 
UOVA IN CAMICIA, GROVIERA E BURRO ALL'ANETO
.............................................................


::Ingredienti::

1 fetta di pane ai cereali spessa circa un dito
1 fungo portobello
1 spicchio d'aglio
2 uova di gallina allevate a terra (preferibilmente bio) freschissime
20 g di burro
4 rametti di aneto fresco 
un pezzetto di groviera
olio evo
sale, pepe

::Procedimento::

Pulite bene il fungo, tamponatelo e tagliatelo a fettine sottili.
Pelate l'aglio e schiacciatelo con l'apposito spremiaglio in una padella con 2 cucchiai d'olio. Scaldate a fiamma bassissima in modo che l'aglio non prenda colore, unite i funghi e mescolate per far insaporire. 
Proseguite la cottura per circa 8-10 minuti, salando e pepando a metà cottura, finché i funghi non saranno ben cotti. Se necessario aggiungete poca acqua per non farli asciugare eccessivamente. 
In un tegamino, fate fondere il burro finché non inizia a spumeggiare. Spegnete e aggingete la metà delle foglie di aneto tritate finemente. Lasciate in infusione per aromatizzare il burro. 
Fate cuocere 2 uova in camicia, io le rompo una alla volta in una coppetta, porto a bollore una capiente pentola con acqua leggermente salata e creo un vortice al centro con un mestolo. Quando il vortice avrà quasi completamente perso la sua forza, faccio scivolare l'uovo proprio al centro, in modo che il lento movimento rotatorio faccia avvolgere molto delicatamente l'albume intorno al tuorlo, bisogna che il movimento sia proprio leggero altrimenti vi ritroverete con l'albume da una parte e il tuorlo dall'altra. Fate riprendere il bollore e lasciate cuocere l'uovo per circa 1 minuto e 30 secondi. Scolatelo con una schiumarola e ripetete l'operazione con il secondo uovo.
Tostate il pane in un tostapane finché non sarà leggermente croccante. Sistemate sulla fetta di pane i funghi e, nel frattempo, tagliate il groviera a nastri sottilissimi con una mandolina. Sistemate il formaggio sui funghi e adagiatevi le uova ancora calde sopra, in modo che sciolgano leggermente il formaggio. Completate con sale e pepe e il burro all'aneto. Tritate quello rimasto e decorate prima di servire.
Per 1 persona.

6 commenti:

  1. comprendo la repulsione per i festeggiamenti di questa banale festa, per me "Valentina" avevano un senso soltanto i fiori regalati da mia nonna, adesso niente mi emozionerebbe...beh, il tuo uovo forse sì perché per amarsi si inizia a tavola ;-) ! A presto, bentrovata !

    RispondiElimina
  2. Noi non lo abbiamo mai festeggiato non c'è un motivo particolare ma è così. Le uova le adoro, come te penso che siano un alimento completo e gustoso e lo trovo molto versatile in cucina, splendida e gustosa la tua ricetta! Buona serata

    RispondiElimina
  3. adoro i post con le uova percgè davvero ti salvano una cena, e un semplice ingrediente trasforma il piatto in gourmet,.

    RispondiElimina
  4. Che ti posso dire? Non amo le ricorrenze ma trovo che abbattere rose rosse sulla testa del povero malcapitato che pensava di fare cosa gradita sia pura perfidia, poi non lamentiamoci che gli uomini non sanno più essere romantici, tutta ma proprio tutta colpa nostra. Per l'elogio alle uova nulla da dire, la perfezione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione Laura! ma ero taaanto ggiovane... (e poi, credimi, ero giustificata da tanti altri buoni motivi..)
      in generale non mi sono mai lamentata una sola vita nella mia vita della mancanza di romanticismo da parte degli uomini! mi fanno piacere le piccole attenzione quotidiane ma ai mazzi di fiori regalati nelle ricorrenze comandate non ci ho mai particolarmente tenuto.. sono un po' più per la sostanza che non per la forma, diciamo così...
      comunque in conclusione.. sempre e per sempre viva le uova!

      Elimina
  5. anche per me san valentino è una ricorrenza di cui si può tranquillamente fare a meno... e preferisco un piatto di sostanza come questo a qualsiasi scatola di cioccolatini. a volte bastano pochi ingredienti per creare un piatto raffinato e completo, tu ne hai appena dato dimostrazione, complimenti!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...