20 giugno 2016

Involtini raw e vegan di sfoglia di riso alla vietnamita con patè di anacardi

vegan rice papaer rolls
Un piatto leggero, gustosissimo, colorato, insolito e pure vegano. E anche crudista. Possibile? Altroché! Mi capita molto spesso di dover elaborare ricette "vegane" per lavoro, non che questa sia la mia alimentazione abituale, ma a conti fatti quante volte ci capita comunque di mangiare "vegano", magari inconsapevolmente (basta pensare al classico spaghetto al pomodoro e basilico: divinamente vegano!). Non credo che mi convertirò mai al veganesimo, ma nemmeno alla cucina vegetariana, perché difficilmente potrei rinunciare non tanto alla carne (che di fatto non mangio comunque molto spesso) ma a pesce, uova, formaggi e salumi davvero non posso resistere.. Comunque, ogni tanto, un piatto vegano (voluto o casuale) non guasta, soprattutto quando è saporito e divertente come quello di oggi. Era da un po' che volevo provare una versione crudista dei rice paper rolls alla vietnamita, che qui sul blog avevo già proposto con l'anatra arrosto. L'ispirazione mi è venuta sfogliando il numero di maggio di Sale&Pepe Veg dove ho rivistato e personalizzato la loro ricetta, sostituendo il patè vegano da loro proposto a base di semi di girasole con un patè di anacardi al tahini. 
La consistenza di queste sfoglie di riso è molto particolare, vanno fatte rinvenire in acqua leggermente tiepida  (si vendono in pacchetti di sfoglie secche e le trovate in genere nei negozi di alimentazione orientale) e sono leggermente gommose e morbide, un po' appiccicose. Ricordano un po' gli spaghetti di soia. A me piacciono molto specialmente se all'interno ci mettete tante verdurine croccantine e una salsina gustosa e saporita per pucciarli dentro. 




VEGAN RAW RICE PAPER ROLLS
.............................................................


::Ingredienti:: 

8 sfoglie di riso per involtini 
1/4 circa di cavolo cappuccio viola
1/4 circa di cavolo cappuccio verde
germogli di cerfoglio
2 carote

Per il patè:
200 g di anacardi al naturale e non tostati
40 g di semi di girasole decorticati e non salati
1 piccola carota
1 piccolo spicchio d'aglio privato del germoglio
1 cucchiaio e 1/2 di Tahini (pasta di sesamo)
2 cucchiai di prezzemolo tritato
2 cucchiai di succo di limone
sale, pepe
1/4 di cipolla di Tropea
1 cucchiaio di lievito alimentare


Per la salsa di accompagnamento e la guarnizione:
50 ml di salsa di soia a basso contenuto di sodio
20 ml acqua o brodo vegetale leggero
1 peperoncino fresco
1 spicchio d'aglio
15 g di zenzero fresco
semi di sesamo nero tostato

::Procedimento::
Mettete tutti gli ingredienti necessari per il patè in un tritatutto. Azionate aggiungendo poca acqua tiepida per volta e raccogliendo via via la crema dalle pareti del tritatutto fino ad ottenere una crema omogenea e soda, simile a un Hummus. Tenete da parte.
Nel frattempo, tagliate a julienne finissima le foglie di cavolo viola e quelle di cavolo verde e tenete da parte. Pelate e tagliate a julienne anche le carote. Fate rinvenire un foglio di carta di riso alla volta in acqua tiepida, scolatele e adagiatele su un tagliere coperto da un foglio di carta forno. Farcite al centro con una piccola quantità di cavolo viola e verde, qualche pezzetto di carota a julienne e coprite con uno strato di patè di anacardi. Sistemate qualche ciuffetto di germogli di cerfoglio e chiudete la sfoglia di riso formando un involtino ben stretto, ripiegando mentre arrotolate i lembi esterni in modo che sia ben chiuso anche alle estremità. Cercate di stringere il più possibile mentre arrotolate l'involtino in modo che il ripeno resti ben chiuso dalla sfoglia. Sistemate via via che sono pronti gli involtini su un piatto e spolverateli con i semi di sesamo nero. A parte, diluite la salsa si soya con l'acqua o brodo e aggiungete il peperoncino fresco tagliato a rondelle, lo spicchio d'aglio e lo zenzero pelati e affettati. Aggiungete un filo d'olio di sesamo e fate riposare la salsa per circa 30 minuti, poi filtratela e dividetela in 2 coppette.
Dividete gli involtini in 2 metà prima di servirli, con la salsina al lato dove intingerli prima di mangiarli.
Per 2.



6 commenti:

  1. Ecco....io per questi potrei uccidere <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora non ti resta che farne in quantità industriali! :-*

      Elimina
  2. condivido in pieno la tua visione del veganesimo: nemmeno io rinuncerei mai a certe delizie a base di carne o pesce, eppure spesso mi sorprendo nell'accorgermi che alcuni piatti vegani sono estremamente gustosi, originali e belli da vedere, come in questo caso... i colori dei tuoi involtini sono splendidi e mi piacerebbe tantissimo rubartene uno! scommetto che sono tanto buoni quanto belli :) complimenti barbara e buona settimana :)

    RispondiElimina
  3. va beh Barbara, che ti adoro lo sai già, vero? ma poi, che colori splendidi...

    RispondiElimina
  4. Sono troppo belli. I colori mi hanno incantata. E sono sicura che siano anche deliziosamente freschi

    RispondiElimina
  5. Questi devo farli assolutamente !! Saranno sicuramente deliziosi !

    Baci :)

    http://www.petitefemme.it/index.php/en/197-fricielli-con-crema-di-piselli-e-menta-e-straccetti-di-burrata

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...