17 giugno 2015

Che Zuppa! - il fuori-libro

salmorejo cordobes copia
Nel caso qualcuno ancora non lo avesse capito (:-) è finalmente uscito il mio libro di ricette e foto Che Zuppa! ed. Tecniche Nuove
Ma come nasce un libro di ricette? La domanda, ad essere sinceri, me la sono posta anche io quando mi è stato proposto di scrivere questo libro, dato che anche per me era la prima volta. Innanzitutto sono partita dalla scelta di dividere le ricette del libro nelle quattro stagioni, 20 ricette ciascuna, per un totale di 80 ricette. Da qui ho buttato giù un primo canovaccio di idee di zuppe "stagionali", con ingredienti più facilmente reperibili nella stagione in oggetto e in generale con un mood più affine alle temperature di quel  periodo. Il resto è stato un lavoro in continuo divenire, aggiustando l'indice di giorno in giorno via via che le prime ricette venivano completate, per cercare di mantenere un certo equilibrio tra ingredienti, consistenze (vellutata, minestra, brodo), presenza di pasta o altri cereali, tipo di guarnizione e così via.. Senza dimenticare di inserire anche qualche ricetta ispirata da cucine di altre culture, un po' come succede qui sul blog. Quel che è certo è che, se non fosse che ad un certo punto ho dovuto per forza mettere un punto fermo a questo processo in continuo divenire per rispettare la consegna, sono sicura che starei ancora qui a inventare nuove ricette, a ri-fotografare qualche piatto, a sostituire qualche zuppa con altre che semplicemente mi sono venute in mente solo dopo.. Perciò c'è tutta una serie di idee che sono rimaste per vari motivi nel cassetto e che piano piano probabilmente vedranno la luce qui sul blog (o magari, chissà, nel seguito di Che Zuppa!). Come la ricetta di oggi, per la quale devo ringraziare Jaime, il fidanzato spagnolo di Spagna della mia "vicina di scrivania" che me l'ha fatta arrivare con tanto di consigli e trucchetti di famiglia.

Il salmorejo cordobes, zuppa estiva a base di pane e pomodoro che si differenzia dal più conosciuto gazpacho per la consistenza e per il numero di ingredienti previsti. Il salmorejo, infatti, è decisamente più denso del gazpacho per via della maggior quantità di pane contenuta e prevede l'utilizzo di pochissimi ingredienti (pomodori, pane, aglio e olio - anche se io ho aggiunto pure un po' basilico ) mentre di solito nel gazpacho sono presenti molte più verdure estive e molto meno pane rispetto a questa zuppa, tanto che può essere anche bevuto in un bicchiere, mentre per il salmorejo ci vuole per forza un cucchiaio. Tradizionalmente il salmorejo viene guarnito con uovo sodo a pezzettini e dadini di jamon iberico (anche se io ho ripiegato sul cosiddetto "jamon de nosotros", ovvero il mio amatissimo prosciutto San Daniele). Perciò oggi vi presento, dal "fuori-libro" di Che Zuppa!, una delle zuppe che che non ci sono e che è, tra l'altro, perfetta per i mesi estivi. Potete servirla come primo piatto oppure, in bicchierini mono porzione, come antipasto sfizioso. Fate come volete, ma fatela! 




SALMOREJO CORDOBES
.............................................................


::Ingredienti:: 

1 kg di pomodori maturi (per me, cuore di bue)
200 g di pane raffermo (del giorno prima) senza crosta
150 ml di olio e.v.o.
1 spicchio d'aglio pelato e privato del germoglio
sale, pepe nero
10 foglie di basilico

per la guarnizione:
1 o 2 uova sode
qualche fetta spessa di prosciutto (Jamon Iberico preferibilmente)
un filo d'olio e.v.o.

pepe nero

Lavate i pomodori e incidete la punta con un coltello affilato formando una piccola croce.
Immergeteli per pochi secondi in acqua bollente e subito in acqua molto fredda. Eliminate la buccia (che in questo modo verrà via facilmente) tagliateli a pezzettoni ed eliminate i semi. Metteteli nel frullatore con l'olio, l'aglio, sale, pepe e le foglie di basilico e frullate finemente. Tagliate il pane a cubotti e unitelo al frullato di pomodoro.
Lasciate riposare per 10-15 minuti finché il pane non si sarà ben ammollato quindi frullate nuovamente il tutto fino ad ottenere una zuppa molto cremosa e densa, dalla consistenza il più fine possibile. Conservate in frigorifero per almeno una mezzora. Servite la zuppa ben fredda, decorandola con l'uovo sodo tagliato a pezzettini, il prosciutto tagliato a dadini piccolissimi, un filo d'olio e una leggera spolverata di pepe.
Per 4.

8 commenti:

  1. Barbara, non ci crederai mai ma esattamente quindici minuti fa, sfogliando ancora il tuo libro che al momento non vuole saperne di spostarsi dalla mia scrivania, pensavo proprio che la ricetta più adatta che potessi postare, dopo averci presentato un libro di zuppe, sarebbe stata proprio una zuppa! Come al solito non mi hai delusa e mi hai fatto scoprire ancora un'altra zuppa estiva (che poi, ovunque ci sia un ovetto io abbraccio sempre l'idea) da aggiungere alla "to do list" insieme a molte altre del tuo libro che continuo a sfogliare. Ancora complimenti!:-)
    Marta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marta!! Vedi, abbiamo avuto la stessa idea!
      E poi in fondo mi dispiace un po' per alcune zuppe che per vari motivi non sono nel libro, un modo per condividerle e dargli una certa dignità, no? Spero tanto che il libro ti stia piacendo.. un abbraccio forte e grazie del supporto!

      Elimina
  2. Barbara,
    grazie al tuo libro arrivo fino a qui, nel tuo bellissimo, ricchissimo, elegantissimo blog. E una domanda sorge spontanea: come ho fatto a non scoprirlo prima?!?! Me ne vergogno.
    Qua e là hai scritto di ispirazione. Di come avresti voluto esserlo per qualche lettore.
    Ecco, lo sei :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristina, che dirti?
      Il tuo commento ha aperto un sorriso sulla mia faccia che lo dovresti vedere.. è il più bel complimento che mi potessi fare e ti ringrazio.
      ben arrivata sul blog allora, e spero di "rivederti" presto qui..

      Elimina
  3. Il tuo fuori-libro è una delle mie zappette preferite :-) Provero' a farlo seguendo la tua ricetta dunque, anche perché di solito mi sa tanto che io la faccio ad occhio, hem... Si può sempre migliorare nella vita :-) Un salutone!

    RispondiElimina
  4. Bárbara! Congrats from Spain for that book and also for that awesome salmorejo!! 😊
    Is the book avalaible in english?
    Thanks and greatings!!
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura! Thank you very much!
      Unfortunately no, for the time being, the book is only in Italian..

      Elimina
  5. Ma che meraviglia!! Questa zuppa densa mi sembra un concentrato d'estate e dei sapori che più semplici non si può: il pane olio e pomodoro che mangiavo da bambina, seduta sul gradino della terrazza, in attesa che il babbo tornasse per la cena. E con le tue foto, tutto diventa splendido, oltre che buono.
    Congratulazioni per il libro, non vedo l'ora di sfogliarlo!
    Alice

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...