31 ottobre 2014

Un secondo a sorpresa

filetto di spigola cover
Et voilà! Venerdì pesce? E che pesce sia. Questa di oggi non è certamente una novità, ma semplicemente la mia versione del filetto di pesce al cartoccio, che mi piace preparare quando ho parecchi ospiti a cena e il menu è a base di pesce perché è un secondo piatto di quelli furbissimi, buono e sano ma soprattutto pratico, veloce e facilissimo da preparare in anticipo, non sporcate mezza cucina e lo servite direttamente bell'impacchettato ai vostri ospiti. Effetto sorpresa, figurone garantito, gusto e leggerezza mantenuti.


Io lo preparo così: mi faccio preparare dei filetti di pesce fresco, e preferibilmente pescato o per lo meno proveniente da buoni allevamenti italiani, ad esempio il pesce di allevamento di Orbetello, ricavati da un pesce abbastanza grande, in modo che i filetti siano piuttosto cicciotti, poi potrete dividerli in 2 o 3 trancetti a seconda della dimensione, in modo da ottenere una porzione da 150 g circa a persona. Potete usare il pesce che preferite, io in genere consiglio la spigola, l'orata, o il dentice. Vi fate preparare i filetti senza squame né lische (ricontrollateli comunque a casa ed eliminatele se ne trovate, perché sono piuttosto fastidiose se ve le ritrovate nel piatto). Ritagliate tanti rettangoli di carta forno quante sono le porzioni di pesce da preparare, per un effetto un po' più scenografico io ho usato due fogli di diverso colore, la carta forno marroncina e quella più comune bianca, sovrapposti uno sull'altro in modo che quella bianca resti all'interno. Spennellate il fondo della carta con un filo d'olio e.v.o. e ci sistemate uno strato di zucchina tagliata a rondelle sottilissime con una mandolina, sovrapponendo le fettine leggermente (considerate che ne basta meno di metà ogni due persone), condite con un filo di olio e sale, ci adagiate il vostro bel filetto di pesce con il lato della pelle verso il basso, guarnite con qualche fettina sottilissima di cipolla rossa di Tropea, un paio di pomodorini divisi a metà o in quattro, qualche cappero di Pantelelria sotto sale e ben sciacquato, una manciata di olive taggiasche denocciolate. Condite con olio, sale, pepe e una bella spolverata di origano buono essiccato, tipo quello di Pantelleria. Chiudete per benino il vostro pacchettino ripiegando la carta su se stessa lungo tutti i lati e lo legate con un pezzetto di spago da cucina in modo che sembri un pacchettino regalo. Se lo preparate qualche ora in anticipo, potete conservare i pacchettini già pronti da cuocere in frigorifero. Accendete il forno a 180° C e li infornate per 10 minuti. Sfornate, lasciate riposare per un minuto o due e sistemate i pacchetti su ciascun piatto, uno per commensale, e servite. Ogni ospite potrà scartare il proprio pacchetto personalmente, e aprendolo verrà inebriato da un profumo di mar mediterraneo che lo riporterà sulla sua spiaggia d'agosto all'istante, effetto ratatouille di Monsieur Ego... 

filetto spigola al cartoccio blog
Piatto piano della linea Regina di Virginia Casa in color azzurro polvere, in vendita su DishesOnly

3 commenti:

  1. Con tutti questi profumi che hai nascosto nel cartoccio riusciresti anche a convincere chi il pesce non lo mangia! Io lo amo molto, soprattutto al cartoccio, perchè sporca poco e si cucina da solo :-)
    Il tuo pacchettino è particolarmente bello e l'idea della doppia carta è da copiare. Quella marroncina è proprio bella :-)
    Buon weekend!
    V

    RispondiElimina
  2. Assolutamente splendido... ho un rapporto viscerale con il mare, come potrei non amare questa meraviglia che mi riporta all'acqua blu cobalto anche in pieno inverno?
    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  3. devo provarlo... cucino mal volentieri il pesce e sempre nello stesso modo... questa mi sembra una scelta saporita e leggera!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...