03 giugno 2014

La panzanella toscana - sarà capitato anche a voi...

panzanella
...di avere quel mezzo chilo di pane avanzato, no? A noi capita praticamente ogni volta che abbiamo ospiti a pranzo o a cena. Insomma, nel nostro piccolo fatto di cene frugali a due il pane non lo consumiamo quasi mai, per vari motivi: un po' per cercare (almeno durante la settimana) di contenere i carboidrati, un po' perché di fatto ci dimentichiamo sempre di comprarlo e poi sinceramente a me il pane comprato la sera, che se ti va bene è quello della mattina, francamente ne faccio volentieri a meno (a meno che non si tratti del forno che sforna il pomeriggio, ma a trovarlo tornando a casa dopo una giornata di lavoro e almeno un'ora di traffico.. no grazie). E quindi il pane fresco è un piacere che ci concediamo solamente nel fine settimana, oppure quando abbiamo ospiti. Immancabilmente ne compriamo molto più del necessario, perché poi di fronte al profumo del banco del fornaio facciamo fatica a resistere e prendiamo sempre un mezzo filone di qua, una mezza pagnotta di quello, due o tre panini di quell'altro tipo per assaggiarlo.. e finisce sempre che molto spesso nella dispensa avanzi parecchio pane. Bruschette a go-go, qualche volta lo facciamo seccare per farci il pangrattato ma per l'estate una delle soluzioni più pratiche per far fuori grandi quantità di pane raffermo, e una di quelle che preferisco in assoluto, è la panzanella toscana. Buona, fresca, nutriente. La ricetta base è semplicissima, ma può essere arricchita come più vi piace. Io l'ho usata per farcire dei pomodorini da servire come antipasto, in tre diversi gusti. Ma sono giusto tre idee veloci e semplici che potrete variare dando spazio alla vostra fantasia.




ricetta copia
E queste sono le mie varianti:
FETA, OLIVE E MENTA: aggiungere ad una ciotola di panzanella come da ricetta base 3 cucchiai di olive nere snocciolate e tagliate a rondelle, circa 60-80 g di formaggio Feta sbriciolato grossolanamente e qualche fogliolina di menta tritata. Mescolare bene, insaporire, se necessario, con un filo d'olio e farcire 8 piccoli pomodori ramati precedentemente svuotati con uno scavino.

greca

TONNO, CAPPERI E TZATZIKI: aggiungere ad una ciotola di panzanella come da ricetta base 2 cucchiai rasi di capperi di Pantelleria sotto sale ben sciacquati, circa 120 g di filetti di tonno sott'olio sgocciolati e sbriciolati con una forchetta. Condite la panzanella con il tonno e i capperi e una leggera grattugiata di scorza di limone. Mescolare bene, insaporire, se necessario, con un filo d'olio e farcire 8 piccoli pomodori ramati precedentemente svuotati con uno scavino. Guarnite con qualche fogliolina di basilico greco e accompagnate con una salsina preparata con 180 g di yogurt greco al naturale, un piccolo cetriolo grattugiato con la buccia e strizzato, olio, sale, pepe nero e qualche fogliolina di menta fresca tritata. Versate la salsina in una ciotolina a parte, ciascun commensale potrà aggiungerla all'ultimo momento sul pomodoro farcito di panzanella.

tonno
ALICI, UOVA DI QUAGLIA SODE E TIMO LIMONE: aggiungere ad una ciotola di panzanella come da ricetta base 6-8 filetti di alici sott'olio sgocciolate e tagliate a pezzetti. Rassodare 4 uova di quaglia (bollire per circa 8 minuti) e raffreddarle completamente sotto un getto di acqua fredda. Sgusciare delicatamente le uova (il bianco sodo tende a rompersi facilmente, casomai preparatene qualcuna in più se ci tenete che siano perfette) e dividerle a metà o in quattro spicchi. Condire bene la panzanella con le alici e aggiungere le foglioline di 4 rametti di timo limone fresco. Insaporire, se necessario, con un filo d'olio e pepe nero. Farcire 8 piccoli pomodori ramati precedentemente svuotati con uno scavino. Guarnire con le uova sode e un rametto di timo limone.

uovo alice

7 commenti:

  1. Buonissime tutte! Anch'io avevo avuto una mezza idea di prepararla qualche giorno fa, poi mi ero orientata su qualcosa con il pane tostato, ma la panzanella rimane in programma. Alici, uova di quaglia e timo la migliore secondo me!

    RispondiElimina
  2. Goduriose tutte le varianti :) grazie!

    RispondiElimina
  3. ah mamma mia che meraviglia!! tutte varianti buonissime.. una più creativa dell'altra!

    RispondiElimina
  4. Anche io mangio pochissimo pane e quando lo prendo ci faccio tante cose e la panzanella sempre d'estate, la divoro!
    Bella l'idea dei pomodori, non ci avevo mai pensato e in effetti fa un gran figurone, complimenti!

    RispondiElimina
  5. La panzanella in estate è un piatto forte sulla tavola di casa mia, è una di quelle ricette furbe, rinfrescanti e svuota frigo. Bella l'idea di farcirci i pomodori, per non parlare delle varianti, sono tutte fantastiche.
    Marta

    RispondiElimina
  6. Il pane: praticamente lo mangio se lo faccio e siccome certo non lo faccio spesso non lo mangio quasi mai. Ecco come io mi ritrovi in una situazione simile alla tua ogni volta che lo acquisto ' per disperazione' o per quel tipo di situazioni di necessità!Poi sistematicamente però la necessità dell'acquisto diventa 'virtù' nel riuso e consumo a tutti i costi e senza sprechi!Ma lo sai che la panzanella non l'ho mai provata? Devo assolutamente rimediare! Un bacio a te!

    RispondiElimina
  7. Beh, io sono praticamente pane-dipendente! Mi piace tutto, in tutte le versioni e soprattutto "sordo" come si dice da me! Le tue versioni di panzanella sono davvero invitanti, non ci avevo mai pensato a metterla nei pomodori, ottima idea! Complimenti! Se vuoi un altro uso del pane raffermo ti consiglio i "pisarei e rasò", piatto tipico della mia zona! ciao!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...