28 aprile 2014

Vietnamese rice paper rolls [ovvero, come ti cucino vietnamita senza alcuna cognizione di causa]

cover
Mi era già successo poco tempo fa con il ramen, e ooohps! l'ho fatto di nuovo. Mi cimento con ricette asiatiche senza avere la più pallida idea di quello che io stia facendo, con ogni probabilità lontana anni luce dal risultato originale, roba da far inorridire un cinese cinese o, in questo caso, un vietnamita vietnamita.
Però la cosa vi devo dire che mi diverte assai, quindi non escludo (anzi!) in futuro altre divagazioni culinarie in piatti di ispirazione etnica ai quali mi avvicino in maniera totalmente approssimativa e senza alcuna cognizione di causa. Chiedo scusa, ma in questo periodo mi gira così!


Questa volta mi era venuta la fissa dei rice paper rolls, degli involtini fatti di sfoglie di carta di riso con, in genere, all'interno tante verdurine fresche e croccanti, a volte carne o crostacei, o tofu. Il tutto da pucciare in un intingolo saporito. Li avevo mangiati moltissimi anni fa in un ristorante vietnamita qui a Roma e mi aveva molto colpito la consistenza di questa sfoglia un po' trasparente e vagamente gelatinosa che avvolgeva molto delicatamente un ripieno saporito, leggero e tutto sommato, all'apparenza, anche abbastanza semplice.
Perciò, visto che mi ritrovavo per caso una suprema di petto d'anatra sotto vuoto da far fuori (e a dirla tutta anche dei meravigliosi germogli di porro che poi  mi sono completamente dimenticata di utilizzare nella ricetta) eccovi la mia personalissima interpretazione degli involtini di carta di riso vietnamiti. Nel mio caso il petto d'anatra è stato tagliato a fettine molto sottili, ma consiglio, nel caso vogliate farli anche voi, di tagliarlo successivamente a striscioline, che resta sicuramente più facile da mangiare.



VIETNAMESE RICE PAPER ROLLS con petto d'anatra allo zenzero

6 sfoglie di riso vietnamite tonde
1 suprema di petto d'anatra (circa 450 g) con la pelle
2 carote
1 cetriolo
1 manciata di foglie di spinacino novello
una dozzina di steli di erba cipollina
salsa di soia a basso contenuto di sodio
1 spicchio d'aglio
un pezzo di radice di zenzero grande come un pollice
brodo di pollo


Sbucciate le carote e tagliatele a bastoncini sottili.
Lavate bene il cetriolo e tagliatelo a bastoncini con la buccia, scartando la parte dei semi al centro. Tagliate l'erba cipollina a bastoncini della stessa lunghezza di quelli di cetriolo e carota e lavate e asciugate le foglioline di spinacino. Tenete tutto da parte.
Con un coltello molto affilato, praticate delle incisioni leggere sulla pelle del petto d'anatra trasversalmente, prima da un lato e poi dall'altro, formando delle piccole losanghe su tutta la superficie. Pepate e salate leggermente il petto d'anatra su entrambi i lati e mettetelo, dal lato della pelle, in una padella antiaderente (adatta alla cottura in forno) precedentemente scaldata sul fuoco. Fate cuocere per circa 4-5 minuti o finché la pelle non sarà ben rosolata. Girate dall'altro lato e fate cuoceer per altri 4 minuti. Eliminate il grasso in eccesso dalla padella. Sbuccate e grattugiate finemente l'aglio e lo zenzero, mescolateli in una ciotolina e spalmate questa poltiglia sul petto d'anatra da entrambi i lati. Mettete in forno preriscaldato a 180° C e dopo qualche minuto irrorate con la salsa di soia (circa 3 cucchiai), fate cuocere in totale per altri 8-10 minuti, girando a metà cottura. In questo modo otterrete una cottura rosata, se lo preferite più "al sangue" bastano 7-8 minuti.
Togliete l'anatra dalla teglia e avvolgetela in un foglio di carta di alluminio, per mantenerla in caldo e farla riposare qualche minuto. Nel frattempo, mettete la teglia con i succhi di cottura sul fuoco e scaldatela, allungando con poco brodo di pollo, fino ad ottenere una salsina piuttosto liquida (assaggiatela e se necessario aggiungete poca altra salsa di soia). Trasferite il fondo di cottura in due coppette e tenete da parte.
Fate rinvenire le sfoglie di riso immergendole una per volta in acqua leggermente tiepida finché non saranno morbide. Stendete ciascuna sfoglia su un foglio di carta forno (attenzione a non piegarla perché diventa piuttosto collosa, se i lembi si toccano non li staccate più).
Sul fondo di ciascun disco, sistemate qualche foglia di spinacino, qualche bastoncino di carota e cetriolo, qualche stelo di erba cipollina e il petto d'anatra tagliato a fettine sottili (con la pelle!).
Aiutandovi con la carta forno, formate degli involtini stretti, ripiegando all'interno i lembi esterni a metà per chiudere bene l'involtino.
Divideteli a metà e pucciateli nella salsina prima di addentarli.
Per 2.

5 commenti:

  1. mio Dio che foto... vorrei tuffarmi in quel piatto.. adoro questi tuoi rolls senza cognizioni di causa forse, ma di sicuro con tanto gusto e sfiziosità! ho una tremenda voglia di farmeli! bravissima

    RispondiElimina
  2. ecco, sarà pure lontano dal vietnam original ma io un morso ce lo affonderei. Continua a sperimentare ti viene davvero bene

    RispondiElimina
  3. Sono bellissimi Barbara!! Mi piace molto leggere dei tuoi esperimenti creativi, hanno qualcosa in più rispetto alle solite ricette!

    RispondiElimina
  4. Meraviglia questo piatto!!! Tanti tanti complimenti;)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...