28 giugno 2013

In carrozza!

cover

No no, non sono in partenza (non per il momento, almeno..), ma oggi è venerdì, e il venerdì per me significa APERITIVO! E quindi, per questa settimana, in carrozza ci vanno solo le melanzane.. Avete presente la "mozzarella in carrozza"? Buona, eh.. per carità.. una vera ghiottoneria anzi..

26 giugno 2013

Una ragazza da copertina {?}

CN1307@copertina.indd

Eccomi qui ad annunciarvi, come ogni mese, l'uscita del nuovo numero di Cucina Naturale dove, come di consueto, potrete trovare le mie ricette e, anche questo mese, le mie foto. Ma il numero di luglio-agosto, ora in edicola, è per me più speciale che mai perché una delle foto del mio servizio, che potrete trovare da pagina 26, è stata scelta per la copertina di questo mese. Penso che per qualsiasi fotografo o appassionato di fotografia il sogno sia quello di uscire con una foto in copertina ed io, nel mio piccolo, non faccio certo eccezione. Potete immaginare pertanto la mia contentezza quando ho scoperto che sarebbe stata proprio la mia foto dei sandwich gluten-free di gelato alla pesca a finire sulla cover dell'ultimo numero di Cucina Naturale! Non posso non ringraziare pubblicamente l'intera redazione, che ha partecipato alla selezione della foto, e anche la direttrice, Venetia Villani, per la fiducia che mi ha dimostrato fin dal primo momento che abbiamo iniziato a collaborare. E non posso non ringraziare anche voi che venite ogni giorno a curiosare su questo blog: con il vostro sostegno ed incoraggiamento, mi ispirate a migliorare e continuare su questa strada. Grazie! Ci "vediamo" in edicola!

24 giugno 2013

La Barbara e il Rabarbaro

cover copia
E finalmente è arrivato il giorno del rabarbaro. The Rhu-Barb Day, come lo abbiamo ribattezzato io e la mia amica Elvira, che non potrò mai ringraziare abbastanza per avermi fatto dono non solo del primo mazzo di coste di rabarbaro della mia vita, ma addirittura delle prime prodotte dal suo orto-giardino personale. Questo è il bello di avere amici e persone che non solo ti vogliono bene ma che capiscono, comprendono e condividono, sostenendoti, le tue stesse passioni. Quelli che si ricordano di te quando annaffiano le proprie piante, quelli che pensano a te e tornano da un viaggio con una spezia particolare, quelli che ti scrivono per chiederti un consiglio, che tornano in cucina ridendo con un piatto di risotto, ormai freddo, dimenticato sulla scrivania davanti al computer dopo uno scatto, e quelli che ridono con te quando scopri due fragoline in bagno, lasciate chissà come e perché sul mobile sotto al lavabo, accanto alla crema idratante..


21 giugno 2013

TGIF - le pizzette del venerdì

girelle ai fiori di zucca
E finalmente è arrivata la fine di questa settimana! Una settimana che, tra le temperature ormai totalmente fuori controllo, impegni di lavoro e non e, tanto per non farci mancare nulla, pure un malessere passeggero personalmente mi è sembrata non avere fine.. Invece una delle poche certezze della vita è che il venerdì prima o poi arriva.. E meno male che avevo ancora qualche ricetta in archivio da postare, perché altrimenti non so proprio cosa avrei potuto proporvi più che la ricetta dello yogurt con frutta fresca che è stato gettonatissimo in questi giorni di pranzi rimediati all'ora della merenda e caldo improponibie.. (a tal proposito, comunque, ma quanto è buono lo yogurt magro della Fattoria Scaldasole ai limoni di Sicilia con le ultime fragoline di Terracina a pezzetti?)

19 giugno 2013

Troppo caldo per cucinare...

cucumber robiola salad 560 copia
Cù-cù! Vi avevo lasciato lunedì nell'incertezza del post del  mercoledì... Infatti un post vero e proprio non ce l'ho, come era prevedibile non ho avuto un attimo di respiro in questi giorni, però ho un po' "rimediato" (un post che una mia cara amica definirebbe "accucchiato" :-): la foto in realtà risale all'estate scorsa ma la ricetta (se così la vogliamo chiamare) è attuale più che mai.. 

17 giugno 2013

Un'insalata greca... da bere!

insalata greca mangia e bevi
Era un po' che da queste parti non si vedeva una bella zuppa, vero? Beh, in effetti, ora che inizia a fare caldo sul serio (ieri a Roma si sono sfiorati oltre 30 gradi!) chi è che ha voglia di mangiarsi una ciotola di zuppa calda? Perciò dopo la mia personale inaugurazione ufficiale della stagione del mare, con il primo vero week-end in spiaggia, la prima tintarella visibile e il primo timido bagno di primo mattino (con l'acqua che sembrava ghiaccio sciolto), tra un rombo di Harley Davidson che passavano ininterrottamente sul lungomare di Ostia, tanto che pur essendo in primissima fila facevo fatica a sentire il rumore del mare, e un mare di inizio stagione straordinariamente azzurro e incredibilmente trasparente ho deciso di inaugurare ufficialmente anche la stagione delle zuppe fredde.


14 giugno 2013

Mediterraneo

cous cous e melanzane 680
E niente, sono stata un po' in dubbio se postare questa ricetta di oggi oppure no. Non tanto per la ricetta in sé, anzi diciamo che è l'unico motivo per cui oggi trovate questo post, ma la foto non mi convinceva (e non mi convince nemmeno ora) più di tanto.. Però ho fatto diverse prove ma, gira che ti rigira, proprio non c'è stato verso di trovare un modo per presentare questo piatto meglio di così, in fondo le melanzane cotte non sono proprio quello che definirei il soggetto più interessante da fotografare, ma sarebbe stato un vero peccato non condividere questa ricetta con voi, visto è ufficialmente la mia new entry della mia lista di piatti "must" per la prossima estate. E poi sono proprio io la prima a dire spesso che, quando si viaggia, bisogna anche godersi il panorama invece di concentrarsi solo sulla meta (questa la capiamo in due ma va bene così) ed è bene che qualche volta impari a razzolare bene pure io, predicatrice e dispensatrice di consigli che non sono altro...


12 giugno 2013

Fast food {kind of}

pollo all'harissa cover
E quindi, a sorpresa, sembra che sia finalmente arrivata l'estate. O meglio, riformulo: BANG! è estate. Fino alla scorsa settimana non avevamo ancora avuto nemmeno il coraggio di mettere un paio di scarpe senza calze e sabato scorso ero in spiaggia a prendere il sole in costume. Lo dicevo, e ora tra dieci giorni saremo qui a lamentarci "ma che caldo fa?!".


10 giugno 2013

When life gives you cherries

cherry pie cover
Non amo molti dolci. Adoro il gelato, soprattutto quello alla nocciola. Anzi, ne vado davvero matta e sarei capace di mangiarmene una vaschetta da un chilo tutta da sola, purché sia di quello artigianale, fatto con ingredienti freschi, nocciole vere, meglio se tonde e gentili delle Langhe, morbido, voluttuoso, buono insomma. In linea di massima mi piacciono i dolci semplici, quelli fatti in casa con pochi classici ingredienti: farina, zucchero, uova, latte, burro.. Sono i dolci che mi ricordano la mia infanzia, quelli che preparavano la mia nonna e la mia mamma per la colazione e per la merenda, e quanti dei loro gesti rivedo oggi nei miei mentre li preparo ora nella mia cucina. Impastare gli ingredienti, stendere la frolla, sentire il profumo che dal forno avvolge tutta la casa e ti trasmette tranquillità e sicurezza, come qualcuno che ti sistema una coperta sulle spalle quando hai freddo. Qualche giorno fa, chiacchierando con un'amica con cui condividevo una situazione di impasse, di quelle in cui i sentimenti e i pesieri sembrano avvolti da una fitta nebbia in cui sembra difficile prendere qualsiasi decisione, le ho scritto in un messaggio "è una di quelle situazioni per cui mi metterei a fare una torta". Perché preparare un semplice dolce è insieme una coccola e una certezza, su di me ha il potere di rimettere tutto a posto perché so che questi ingredienti, combinati con questi altri, daranno esattamente il risultato che mi aspetto, senza errori, senza sorprese. Non so come spiegarvelo, fare un dolce mi fa subito sentire meglio, riesce a districare in certi momenti la matassa dei miei sentimenti, come ritrovare la luce di casa in fondo al bosco fitto fitto di certi pensieri ingarbugliati..

07 giugno 2013

Do you wanna brunch?

eggs and bacon cups
Vi piace il brunch della domenica? A me non tanto, ad esser sinceri. Insomma, la domenica mi piace svegliarmi con calma, penzolare in pigiama in direzione cucina, godermi l'odore del caffè che esce dalla moka, scaldare il latte, affettare un paio di fette di un dolce fatto in casa, magari una tazza di yogurt con un po' di granola, e se possibile sistemare tutto su un vassoio e goderci una tranquilla colazione a letto, poi bighellonare ancora un po' sotto le lenzuola, sfogliando qualche rivista, magari con un buon cd in sottofondo.. In fondo la colazione è l'unico momento della giornata in cui sento davvero il momento di mangiare qualcosa di dolce, io che non ne sono affatto golosa, e per nessun motivo al mondo inizierei la giornata mangiando uova e pancetta, o bagles al salmone, o una fetta di quiche ai porri, per dire.. Non che non mi piacciano tutte queste cose, anzi! Ma non mi piace mangiarle a colazione, tutto qui. A colazione vanno bene le torte, i biscotti, i cereali, il pane-burro-marmellata.. dopo le 12.30 posso iniziare a prendere in considerazione tutto il resto.

05 giugno 2013

Questo panino è come uno zaino

club sandwich cover
Parafrasando una celebre battuta del film "Bianca" di Nanni Moretti (in una delle scene più famose del film, quella della Sacher Torte), questo panino "è come un cannolo alla siciliana, che c'è tutto dentro, e come uno zaino, te lo porti appresso per un mese e stai sicuro". Un club sandwich, anzi, il MIO club sandwich. Un panino che potrei definire consolatorio, da dividere in due e mangiare metà per uno oppure, nei giorni veramente tosti, anche tutto intero.. Uno di quei cibi da depression day, insomma, in grado di tirarti su il morale morso dopo morso..


03 giugno 2013

I biscotti della domenica

biscotti cereali e mirtilli
Nel mio ultimo post pregustavo l'arrivo del "meritato riposo" del fine settimana, mentendo sapendo di mentire. Questo qui è stato, infatti, un fine settimana di lavoro piuttosto intenso, che mi ha visto praticamente in modalità no-stop tra la cucina e lo studio per finalizzare il mio prossimo servizio per Cucina Naturale. Non posso anticiparvi molto, ma ho cucinato e fotografato piatti autunnali per due giorni consecutivi, il che poteva anche avere un suo perché ancora ancora nella giornata di sabato (che in effetti, pur essendo il primo giugno, sembrava piuttosto il primo di novembre invece..) ma domenica, fin dal risveglio, la giornata si prensentava soleggiata e calda, che quasi quasi ci ervamo anche un po' dimenticati di essere ormai vicini all'estate, insomma una di quelle domeniche in cui avrei sinceramente preferito starmene spaparanzata su un prato a leggere un buon libro, sdraiata su una coperta, sgranocchiando una mela sotto gli occhiali da sole. Comunque, così è andata, invece, e nel caso avessi ancora qualche qualche dubbio su quanto noi donne (io, in particolare), a volte, siamo bravissime a complicarci la vita sempre un po' di più del necessario, ora davvero non ne ho più.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...