24 giugno 2013

La Barbara e il Rabarbaro

cover copia
E finalmente è arrivato il giorno del rabarbaro. The Rhu-Barb Day, come lo abbiamo ribattezzato io e la mia amica Elvira, che non potrò mai ringraziare abbastanza per avermi fatto dono non solo del primo mazzo di coste di rabarbaro della mia vita, ma addirittura delle prime prodotte dal suo orto-giardino personale. Questo è il bello di avere amici e persone che non solo ti vogliono bene ma che capiscono, comprendono e condividono, sostenendoti, le tue stesse passioni. Quelli che si ricordano di te quando annaffiano le proprie piante, quelli che pensano a te e tornano da un viaggio con una spezia particolare, quelli che ti scrivono per chiederti un consiglio, che tornano in cucina ridendo con un piatto di risotto, ormai freddo, dimenticato sulla scrivania davanti al computer dopo uno scatto, e quelli che ridono con te quando scopri due fragoline in bagno, lasciate chissà come e perché sul mobile sotto al lavabo, accanto alla crema idratante..


quattro
foto in alto a destra: casseruola ABCT di KnIndustrie
E dunque il rabarbaro, dicevamo. La prima cosa che ho pensato di farci è stato di accostarlo alle fragole, un binomio che avevo spesso visto in giro su vari blog, libri e riviste. Perciò, per la mia prima volta con il rabarbaro, ho preferito andare sul sicuro. Rabarbaro, fragole, un accenno di vaniglia e una spruzzata di succo di limone. Pochi minuti sul fuoco ed era già tutto pronto, una composta succosa, profumata, dolce e agra allo stesso tempo e con la stessa intensità. Buona da finirsela a cucchiaiate, ma perfetta per accompagnare una semplicissima panna cotta, preparata con il latte fermentato per una nota acidula ma delicata che richiamasse quella del rabarbaro. Io l’ho trovato un mini dessert da fine pasto estivo e perfetto. Se avete la fortuna di trovare facilmente il rabarbaro, ve lo consiglio vivamente. Altrimenti, dovrete trovarvi anche voi un’amica come Elvira..
la bla

PANNA COTTA AL LATTE FERMENTATO con composta di rabarbaro e fragole alla vaniglia
Ingredienti:
300 ml di latte fermentato
200 ml di panna fresca 
6 gr di colla di pesce
120 g di zucchero a velo
8 coste di rabarbaro
120 g di fragole
i semi di un baccello di vaniglia
4 cucchiai di zucchero di canna
una spruzzata di succo di limone

Mescolate in una casseruola il latte fermentato (potete anche usare del normale latte oppure dello yogurt liquido) con la panna e lo zucchero a velo. Fate scaldare fino al punto di ebollizione e spegnete. Fate ammollare la colla di pesce in acqua fredda, strizzatela bene e incorporatela al composto di panna e latte, mescolando bene per farla sciogliere completamente. Versate il tutto in una brocca con beccuccio e versate il liquido in 4-6 bicchierini piccoli mono porzione. Quando saranno a temperatura ambiente, trasferiteli in frigorifero per almeno 6 ore o per tutta la notte. Lavate il rabarbaro e le fragole. Tagliate il rabarbaro a rondelle non troppo piccole e le fragole a metà (o in quattro se sono grosse) e mettete il tutto in una casseruola. Aggiungete i semini estratti dal baccello di vaniglia (io faccio così: massaggio un po' il baccello e lo divido a metà - non lo apro in due nel senso della lunghezza, ma lo divido proprio in due metà lunghe uguali lasciando la buccia esterna intera. A quel punto, appoggio un pezzetto sul tagliere e passo la parte piatta della lama di un coltello sopra la buccia, schiacciando bene dalla parte della punta verso la parte dove è tagliato. La polpa coi semini uscirà come il dentifricio da un tubetto. Ripetete un paio di volte per far uscire bene tutta la polpa), lo zucchero di canna e una spruzzatina di succo di limone. Fate cuocere a fuoco vivo per circa 5 minuti, o finché il rabarbaro non sarà morbido, e lasciate raffreddare la composta prima di metterla in frigorifero. Servite i bicchierini con una piccola coppetta di composta a parte, da versare sulla panna cotta all'ultimo momento e nella quantità desiderata. 

15 commenti:

  1. Ieri al mercato della Coldiretti a San Teodoro c'era una signora che vendeva il rabarbaro e ti ho pensata! Ma vedo che oggi appare, bene! :-)
    Amo la panna cotta declinata in ogni colore e versione, ma qui oltre all'idea lodo le foto... sono belle belle belle! Tagliere bianco e tovagliolo di quella fantasia, che bella coppia! :-)
    (non mi sfugge sul bordo la marca, ti sei rifornita da Emanuela, per caso? Io ancora sogno quelle coppette...)


    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Franci!! Si il tovagliolino viene da Emanuela, ed è della stessa marca delle coppette che ti piacevano tanto.. :-*

      Elimina
  2. Che sia una ricetta, una foto, un ingrediente, un qualsiasi fai-da-te...tu lo tocchi e lo rendi bello, buono, utile (oppure non-utile? fa niente). Sei fonte di ispirazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh dear,, mi fai diventare rossa come il rabarbaro!!
      grazie ancora mia cara..

      Elimina
  3. sììììììììì, hai messo quellaaaa!!!!! <3 <3 <3 <3
    (commento sibillino e poco equilibrato?)

    RispondiElimina
  4. Io sto bramando il rabarbaro da troppo tempo. Pensa che per questa stagione avevo anche pensato di piantarlo e usare quello autoprodotto, ma alla fine i miei progetti non sono andati in porto.. Mi sa che devo cercare un'amica come Elvira!
    Buona settimana :)

    RispondiElimina
  5. Uso improprio di amica blogger: next time che passi dall'Emanuela, me la saluteresti tanto tanto, dicendole anche che mi manca? Sigh.
    Hasta il rabarbaro siempre, il mio era diventato Federico rabarbarossa :)))
    ps: ti perdono la pubblicita' palese solo perche' quelle pentole sono sballosissime, ne lumo una con manico in legno da quel di' {di' che, ahime', non arriva ancora}. I soliti baci a profusion BaT mia bella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma certo che te la saluto la Manu! frequento molto spesso e sempre volentieri il suo "spaccio", è proprio una personcina speciale! le porterò i tuoi saluti alla prima occasione, ciao Reb!

      Elimina
  6. Mai provato il ravarbaro ma vederlo nella tua preparazione fa sempre gola :) E poi la panna cotta è così versatile e così completa, mi piace sempre. Foto sempre pulite, invitanti. Mi piace proprio qua. Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pensa che io invece non sono una grandissima fan della panna cotta, mi piace solo se non è troppo dolce e accostata a qualcosa di molto fresco e possibilmente molto acidulo, perciò in questa versione l'ho decisamente rivalutata!

      Elimina
  7. Io purtroppo non ho una amica come Elvira...così il rabarbaro me lo sono seminata in giardino:)
    E FORSE ora sta dando risultati
    Speriamo perché già la curiosità per questo ingrediente era alle stelle e dopo questa panna cotta...
    Complimenti per tuo blog che seguo ormai da mesi ma non mi ero mai presentata
    Bravissima, ottime foto e ottimo stile. Milena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma grazie mille Milena! mi fa molto piacere.
      alla fine anche io ho rimediato una piantina al vivaio e l'ho piantata in un vaso, vediamo che succede!
      grazie per aver lasciato un commento, a presto!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...