22 maggio 2013

Linguine con fave e bottarga

linguine fave e bottarga
"Vado di fretta, vado di corsa, quello che serve è tutto dentro alla borsa, e per adesso mi basta..." sarebbe a dire che nella mia borsa, ci stanno fave, bottarga e cipollotti? Beh, vi confesso che non sarebbe poi così improbabile... La mia borsa sembra sempre un po' quella di Mary Poppins, una borsa magica da dove saltano fuori gli oggetti più impensabili: dei bulbi di lemon grass per la mia amica Rossella, lo Zah'tar per la mia amica Elvira, qualche libro di cucina, vitamine, integratori per capelli, ibuprofene (che, purtroppo, non manca mai..), un vasetto di yogurt, una mela o una banana, un metro a nastro da 5 metri, un paio di forbici.. roba così.. insomma, a giudicare dalla mia borsa potrei sembrare un misto tra Julia Child, Tata Matilda e Super Mario Bros.. 


Comunque, lo spunto era, per l'appunto, che oggi vado proprio di fretta, come cantava Daniele Silvestri in "Gino e l'Alfetta", perciò vi dovete accontentare di questo post super telegrafico e di una ricettina della categoria "sciuè sciuè" che però, cari miei, vi consiglio di provare prima che le fave spariscano dalla circolazione..
Va detto che io non sono una grandissima fan delle fave. Crude non mi piacciono affatto, cotte trovo che sappiano veramente di poco. In più trovo che sia dannatamente noioso sbucciarle, insomma.. parliamone! Per questo piattino per 2 persone (circa 150-180 g di fave pulite e sgusciate) son stata lì un'oretta a sbuccettare ben 750 g di baccelli! Che poi mica basta tirarle fuori dal loro giaciglio vellutato, no.. bisogna anche eliminare la pellicina esterna.. insomma, alle fave piace crescere comode comode.. Quello che però amo da matti di questi legumi è quella consistenza un po' burrosa che hanno le fave fresche una volta cotte, e quel loro colore incredibilmente verde. Come dicevo, così in purezza (secondo me) non sanno di molto, quindi ho pensato bene di arricchirle con un soffritto di cipollotto fresco, olio e peperoncino e bottarga grattugiata come se non ci fosse un domani. Insomma, buone davvero queste linguine qui, io ve le consiglio! E ora scappo, Gino mi aspetta, dentro all'Alfetta!

bla bla
LINGUINE CON FAVE E BOTTARGA
Ingredienti:
170 g di linguine
150-180 g di fave fresche sbucciate e private della pellicina (circa 800 g di fave da pulire)
1 cipollotto fresco
1 piccolo peperoncino secco
4 cucchiai d'olio
bottarga di Muggine
prezzemolo tritato

Mettete a bollire abbondante acqua leggermente salata in una pentola.
Fate sbollentare le fave pulite e sgusciate per qualche minuto, scolatele con una schiumarola e raffreddatele in acqua fredda.
Pulite e affettate il cipollotto, compreso il gambo verde, e fatelo stufare dolcemente con l'olio in un'ampia padella insieme al peperoncino spezzettato.
Buttate la pasta e unite le fave al soffritto, aggiungendo un po' di acqua di cottura per mantenere tutto piuttosto morbido. Fate cuocere le verdure per circa 5 minuti, poi spegnete.
La pasta dovrete scolarla circa 4 minuti prima rispetto al tempo indicato nella confezione, conservando l'acqua di cottura. Trasferitela nella padella con il soffritto e le fave e riaccendete il fuoco a fiamma vivace. Proseguite la cottura della pasta come per un risotto, ovvero aggiungendo un mestolino di acqua di cottura alla volta, facendola di volta in volta assorbire dalla pasta. Proseguite in questo modo fino a completa cottura della pasta. In questo modo, parte degli amidi si scioglieranno nel condimento, che risulterà quindi cremoso (io uso lo stesso sistema anche per la semplice aglio, olio e peperoncino oppure per gli spaghetti alle vongole. Provate e vi assicuro che non tornerete più indietro!). 
Quando la pasta sarà cotta al dente, unite il prezzemolo tritato finemente, mescolate e dividetela nei piatti. Ultimate con la bottarga di muggine grattugiata finemente, a volontà!
Per 2.

13 commenti:

  1. Ma quanto mi piace questa ricetta sciué sciué, e quanto mi piacciono le tue foto.. luminose e delicate, bellissime!
    Nemmeno io sono una fan delle fave, ma in versione pesto mi piacciono assai. Questo con la bottarga deve essere delizioso!

    PS. la pasta risottata è da provare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Giulietta, e grazie!
      la "risottatura" della pasta è una genialata (ma mica l'ho inventata io eh!) ed è perfetta per tutti i condimenti in bianco e un po' oliosi a base di verdure o pesce, così il condimento diventa un po' viscosetto e si attacca bene alla pasta. Secondo il mio modesto parere, funziona meglio con la pasta lunga (a parte che io in generale preferisco la pasta lunga a quella corta..)
      grazie per la visita!

      Elimina
  2. eheh, io ho la sindrome del Bianconiglio dalla nascita se può consolarti almeno un po'!
    al contrario a me le fave piacciono, ma ammetto che accostate a qualcosa di saporito come del buon formaggio o la bottarga come hai fatto tu, è meglio!
    il mio metodo sbucciafave però è infallibile: metto Piero a lavoro!!:O)))

    RispondiElimina
  3. Anche io non impazzisco per le fave, ma in questa fase di sperimentazione e curiosità sempre più acuta ho deciso di (ri)assaggiare anche quei cibi che possono rivelare un volto inedito, con ricette giuste e abbinamenti curiosi come questo...
    A prima vista, solo guardando la foto, quel "polline" d'oro pensavo fosse scorza di limone e invece... sorpresa! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pensa che io la bottarga l'ho scoperta relativamente tardi, durante una vacanza in sardegna 4 o 5 anni fa.. e da allora, mai più senza! la bottarga non manca mai nel nostro frigorifero!

      Elimina
  4. mamma che buooonoooo!!!
    A me come sai invece piacciono un sacco! Ma provali, i crostoni, quelli si fanno con le fave "intere"! (e pure gli scones salati, lì sono da "pelare all'osso", ma davvero ne vale la pena... ok vabbè si è capito che sono una fanatica di questo baccello io... evviva, in mesi e mesi abbiamo trovato UNA differenza tra noi due... siam salvi! ;))
    bacini tanti, dalla altrettanto frettolosa, e sciroccata, tua amica Vaniglia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si infatti i crostoni li volevo provare... ma forse più per la fettazza di burrata che non per il pesto di fave e piselli!!

      Elimina
  5. Questo abbinamento fave e bottarga deve essere delizioso! Mi sa che quel salatino della bottarga ci sta d'incanto.

    P.S. Ultimamente ho imparato un trucchetto davvero efficace. Una volta eliminata la buccia esterna delle fave, devi metterle a bollire "subito" e poco poco. Scoli e con un leggera pressione sulla pellicina fai uscire le fave dal loro guscio. Il bello e' che la pellicina perde il suo verde ma il suo interno rimane verde brillantissimo. Provare per credere :-)



    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, questa cosa qui l'avevo pensata pure io, ma temevo che poi le fave, all'interno, perdessero il loro colore verde bello brillante.. ma se mi dici che funziona... allora proverò! grazie!

      Elimina
  6. Ciao barbara! ma che buonaaaa fave e bottarga! meravigliosa! un abbraccio!

    RispondiElimina
  7. Le ricette "sciuè sciuè" sono le migliori:-) Al contrario di te, adoro le fave! Mi dispiace solo che induriscono quasi subito e bisogna cuocerle, pensa che stravedo per pane-olio-fave, ho detto tutto:-D Un abbraccio

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...