19 aprile 2013

Nothing to cook {ricetta svuotafrigo}: saltimbocca di pollo

saltimbocca di pollo
'Manco a farlo apposta, questa settimana menu completo con antipasto, primo e secondo come forse non capitava da un po'. La ricetta di oggi si può tranquillamente classificare nella categoria "Nothing to cook" di cui abbiamo già parlato in altre occasioni, perché ci vogliono esattamente 3 ingredienti 3, ed è stata anche l'occasione golosa di far fuori quelle fettine di speck (o di prosciutto) rimaste lì a stazionare nel cartoccio, che se non lo mangi subito appena affettato non è più la stessa cosa.. Ispirata (che ve lo dico a fare!) da uno degli ultimi numeri di Donna Hay Magazine, che devo dire è davvero la regina dell'easy cooking, nella cui ricetta originale, oltre ad utilizzare il più tradizionale prosciutto crudo, all'interno dell'involtino ci finiva anche un filetto di pomodoro San Marzano secco sott'olio, di cui io (stranamente, perché li adoro e ce li ho praticamente sempre in dispensa) mi trovavo momentaneamente sprovvista. Devo dire che anche senza funziona benissimo, ma sono sicura che il pomodoro secco all'interno darebbe un certo "zing" in più, insomma ci starebbe proprio bene, quindi io fossi in voi ce lo metterei. Ricetta e post telegrafico, dunque, ma non posso chiudere senza augurarvi un buon fine settimana!


duo saltimbocca salvia bla bla

SPIEDINI DI SALTIMBOCCA DI POLLO
Ingredienti:
4 fette di petto di pollo (preferibilmente da allevamento biologico)
6 fette di speck (oppure prosciutto crudo, o anche pancetta tesa)
12 foglioline di salvia fresca
olio e.v.o., sale, pepe
sale in fiocchi

Dividete ogni fetta di speck a metà e sistematele su un tagliere.
Mettete le fette di pollo tra due fogli di carta forno e battetele bene con un batticarne per assottigliarle.
Tagliate il pollo in 3 fettine più o meno grandi come le mezze fettine di speck e sistematecele sopra. Condite l'interno con pochissimo sale, pepe e sistemate alla base dell'involtino la foglia di salvia (se usate il pomodoro secco, anche quello - ben sgocciolato).
Arrotolate il tutto formando un involtino stretto (quindi con lo speck all'esterno) e fissatelo su uno spiedino. Proseguite fino ad aver sistemato 3 involtini ciascuno su 4 spiedini.
Scaldate bene una padella antiaderente (io preferisco quelle con l'interno in ceramica) con un filo d'olio e fate rosolare gli spiedini per qualche minuto da ciascun lato, finché la carne risulterà bianca e lo speck ben rosolato e croccantino. 
Ultimate con qualche scaglia di sale in fiocchi e servite con un'insalatina di accompagnamento.
Mangiare subito. 
Per 2.

8 commenti:

  1. visto che ti garbano le padelle con l' interno in ceramica ti regalo le mie.. io non le sopporto, non so perchè ma non mi ci trovo :O(
    tuttavia se il risultato sono questi involtini (merito CHIARAMENTE della padella in ceramica eh.....) potrei ricredermi :O)
    mia mamma nei saltimbocca ci mette un po' di tutto, altro che tre ingredienti! ogni tanto ci scopri qualcosa che non ti aspettavi e che sicuramente non c' era la volta prima! una fogliolina di spinacio, un pezzetto di pomodoro sott' olio (ma la mi' mamma a Donna Hay....) un paio di olive tritate.. ecco... imprevedibile.
    mica come te che sei sempre impeccabile e pure ben programmata col menù completo!
    buon we!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora mia cara, anche io all'inizio avevo perplessità sulle pentole rivestite di ceramica, ne avevo provata una e non l'avevo trovata antiaderente 'manco per il cavolo... devo dire che quelle che mi sono arrivate ultimamente (*_*) invece sono molto antiaderenti, ci ho fatto pure le polpette (quelle dell'ikea per intenderci) e non si sono attaccate per niente... quindi sono giunta alla conclusione che molto dipende dalla qualità della padella.. e poi ho letto cose sul Teflon che voi umani... (per dire, sul giornale dove scrivo che è molto attento a certe questioni le padelle antiaderenti non possono nemmeno essere nominate..) perciò io quelle ho smesso di usarle da parecchio, so che adesso ci sono antiaderenti che non contengono teflon, ma un rivestimento nuovo di cui non ricordo il nome che non è nocivo alla salute.. comunque, dovresti provare a dargli una seconda chance alla ceramica.. sul lato saltimbocca, pensa che invece a casa mia non li abbiamo MAI mangiati, mia mamma non li ha mai fatti.. in realtà questi alla fine, in effetti, sono degli involtini e ci puoi infilare dentro tutto quello che ti pare.. gli involtini invece quelli si che mia mamma è una specialista! il mio ripieno preferito è fogliolina di prezzemolo, prosciutto crudo e scaglia di parmigiano, però tutto dentro all'involtino e niente fuori, cotti in bianco con un po' di vino bianco tipo scaloppine.. provare!! baci e buon week end

      Elimina
  2. Io ci vedo bene nel ripieno anche un pò di formaggio, forse perchè mi piace tutto ciò che fila e si squaglia... :-) O anche un asparago che spunta!
    Lo sai che questa potrebbe essere un'idea anche per accompagnare un aperitivo? Magari con uno o due saltimbocca nello stecchino per non saziare troppo...
    (il sale in fiocchi è il tocco finale che mi piace!)
    Buon weekend a te, io ho intenzione di riposarmi e godermi l'estate (!) romana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti sì, ci si può infilare un po' di tutto in questi involtini.. come dicevo sopra alla Signorina Pici & Castagne, mia mamma ci mette anche una scaglia di parmigiano che si scioglie senza filare (col rischio che poi esca fuori dall'involtino) che ci sta benissimo. Molto bene per aperitivo, magari più piccini da mangiare in un solo boccone, a patto che vengano serviti comunque caldi..
      buon fine settimana anche a te cara Francesca, speriamo che il tempo si sistemi che oggi non mi sembra tanto estivo come avrei sperato...

      Elimina
  3. foto pulite e luminose...sempre bellissime ^_^
    nonostante la mia dieta vada a farsi friggere è un piacere passare di qua!!!
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. carissima! ma guarda che non sono mica così anti dieta questi involtini.. lo speck è un salume tutto sommato abbastanza magro, magari tiri via quel filino di grasso e il gioco è fatto: buono per la linea e per il palato! grazie mille come sempre per l'apprezzamento fotografico (anche io amo le tue foto, proprio perché hanno un'atmosfera completamente diversa dalla mia.. che però mi attira tantissimo!)
      a presto, baci
      b.

      Elimina
  4. Cara le ricette svuotafrigo fanno sempre per me, non tanto perchè lo debba svuotare dato che è sempre paticamente una costante il fatto che sia vuoto, ma quanto perchè sono ricette easy e poco elaborate, proprio come piace a me :)
    Non mi ricordo a chi l'ho scritto oggi ma io non sono proprio una di quelle che cucina dosando, pesando ecc piuttosto col poco che c'è cucino a braccio, mi riesce meglio insomma :)
    Dalla foto si direbbero davvero ma davvero ottimi, brava.
    E anche le mie padelle, teglia compresa, sono in ceramica, hanno un che di pulito e salutare, abbasso il teflon!
    Buona domenica a te

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io cucino sempre a occhio e quando faccio delle ricette che poi devo pubblicare sul blog e sul giornale a volte non prendo appunti su pesi e misure (e quindi poi mi tocca andare a rimisurare il tutto..)
      buona domenica anche a te!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...