24 aprile 2013

Easy Peas[y]

alto 680
Nella mia città si cominciano a trovare i primi pisellini freschi. Quando vedo i primi baccelli verdi sbucare su qualche bancone del mercato provo sempre una certa emozione, non solo perché i pisellini novelli mi piacciono da matti ma perché sono una delle [poche] verdure ancora strettamente legate alla stagionalità, in un’epoca in cui ormai si trovano pomodori, peperoni, zucchine e melanzane tutto l’anno nei grandi supermercati tanto che ormai in alcuni casi si è anche perso un po’ il gusto dei sapori legati al passaggio delle stagioni [e spesso anche proprio il gusto delle verdure quale dovrebbe essere nel loro naturale periodo di raccolta]. Invece i baccelli [non solo i piselli, ma anche le fave e, più in là, i fagioli borlotti freschi] si riescono a trovare solo in stagione, e anche il solo vederli nelle ceste dei banchi del mercato evoca in me ricordi di aria profumata e croccante dei primi giorni di primavera, le prime giornate di sole caldo in cui scoprirsi un po’ al primo pic-nic sulla spiaggia, o il sapore dolce e malinconico degli ultimi giorni d’estate. Sarà forse anche per questo che amo in modo particolare queste verdure.
quatto
Questa volta i pisellini sono finiti in una delle mie tanto amate vellutate, una di quelle che preferisco in realtà e che faccio molto spesso in questo periodo, insieme alle prime zucchine romanesche, quelle un po’ costolute di colore verde chiaro, dolcissime e croccanti, con un bel mazzetto di basilico e menta a dare profumo. Una zuppa molto easy, quindi, perfetta per assecondare la pigrizia di questo Aprile e di questa primavera che stenta un po' a sbocciare.. Delicata ma saporita al tempo stesso, perfetta sia calda che a temperatura ambiente. Qualche gocciolina di panna fresca, un grano di pepe rosa per decorare il piatto e via. In attesa che arrivi l’estate, e con essa tutta la frutta e la verdura che amo di più.
 bla bla
VELLUTATA DI PISELLI E ZUCCHINE con basilico e menta
Ingredienti:
250 g di piselli freschi sgranati (circa 600 g con il baccello)
5 zucchine romanesche non troppo grandi
1 scalogno
2 rametti di menta fresca
8 foglie di basilico fresco
50 ml di panna fresca
olio e.v.o., sale grosso, pepe rosa
germogli di senape per la decorazione (facoltativo)

Sbucciate e affettate lo scalogno. Spuntate le zucchine, lavatele e tagliatele a rondelle. Fate rosolare in un tegame lo scalogno con 2 cucchiai d'olio. Unite le zucchine e i pisellini sgranati e fate insaporire a fiamma vivace per qualche minuto. Unite circa 1/2 cucchiaio di sale grosso e versate acqua fredda fino ad arrivare a filo con le verdure, senza coprirle. Fate cuocere con un coperchio per 20 minuti dal bollore. Unite le foglie di basilico e menta e la panna, tenendone da parte 1 cucchiaio per la decorazione. Frullate la zuppa fino ad ottenere una consistenza vellutata e cremosa (assaggiate per regolare di sale). Versatela nelle ciotole e decorare con qualche gocciolina di panna, un pizzico di pepe rosa e i germogli di senape. 
Per 2.

14 commenti:

  1. No vabbè ma si può che a me piacciono tutte le foto (e le ricette) che vedo qui sopra?? :) Meravigliose davvero! e concordo con te sulla stagionalità che nei supermercati si è ormai persa...per questo anche io quando posso faccio spesa al mercato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma quanto sei carina Cristina!
      anche io quando riesco faccio la spesa al mercato, e in particolare cerco sempre i banchi dei produttori diretti (li riconosci perché non hanno MAI roba fuori stagione...) e allora si che non c'è proprio paragone! Visto che sei arrivata a Roma da poco (da quello che ho capito..) non devi perderti un giro al mercato della coldiretti di San Teodoro, vicino al Circo Massimo, che c'è il sabato e la domenica (ma anche quello che c'è dentro al Macro di Testaccio e lo stesso mercato di Testaccio ha diversi banchi di coltivatori diretti).
      in generale preferisco acquistare la frutta o la verdura di stagione non solo perché è decisamente più saporita, ma anche perché costa molto meno! (anche se poi magari per "dovere professionale" mi tocca cercare le ciliegie a gennaio, ma questa è un'altra storia...!)
      grazie mille per seguirmi con tanto affetto!

      Elimina
  2. Wow, anche se è mattina e non è proprio il momento ideale per una vellutata una tazzetta me la farei volentieri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non so te, ma io dalle 11 in poi sono in modalità "salato" quindi direi che ora ci starebbe proprio benissimo! grazie per essere passata di qui

      Elimina
  3. aaah ma tu mi leggi nel pensiero! la zuppa di piselli e menta è nella to do list del weekend :O) ho pure comprato la menta fresca la scorsa settimana e me la sto coccolando come una figlia.
    sarà che anche a me i baccelli fanno lo stesso effetto quando li trovo al mercato, e mi convinco che a questo mondo c' è ancora qualcosa che va esattamente come deve andare..
    la tua zuppa vince.
    bacino!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi piace la definizione "a questo mondo c'è ancora qualcosa che va esattamente come deve andare", mi piace proprio tanto!
      la menta a casa mia non manca mai, estate-inverno, è una pianta piuttosto resistente e anche molto invasiva. e con i piselli ci sta alla grandissima!
      bacini a te!

      Elimina
  4. Risposte
    1. ....capricciosaaaa!!!
      (oddio, sembra il menu di una pizzeria!)

      Elimina
  5. Gustate tiepide nelle stagioni più calde, le vellutate non mancano mai sulla mia tavola. Sono una certezza, quella coccola morbida e cremosa di cui si ha sempre voglia e bisogno... :-)
    Vicino casa, sono due i mercati dove vado sempre, comprando dai banchi dove ormai mi conoscono e sanno anche cosa mi piace. Come ieri, una signora mentre passo mi ferma e mi dice: "Signorì, ho gli avocadi maturi maturi che voleva" (perchè tempo fa li avevo chiesti ma non li aveva) e... come non fermarsi? :-)
    (a cosa mi servivano? Secondo me lo sai...)

    Commento fotografico sincero e verace: ammappa che foto, Barbara! Quel poker di foto, tutte insieme, è da rivista! Eri molto ispirata! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara! ma è il soggetto ad essere particolarmente fotogenico! ;-)
      che meraviglia i mercati romani.. e i romani in generale, ma quelli dei mercati sono veramente speciali! io purtroppo proprio proprio vicino casa ho solo un supermercato (anche se ha la fisionomia di un mercato, con il banco del pesce, il banco della carne, la gastronomia e il panettiere..) però quando posso mi sposto volentieri, anche se devo fare almeno 20 minuti di macchina, i mercati non solo hanno una scelta migliore, ma un'umanità impareggiabile!
      adoro stare lì a chiacchierare con la gente del mercato, con il macellaio che ti dà la sua personale ricetta segreta per la coda alla vaccinara..
      sull'avocado sono piuttosto preparata, a marzo (o era febbraio?) ho pubblicato su Cucina Naturale un intero servizio sull'argomento, quindi se vuoi qualche dritta fai un fischio!

      Elimina
  6. una gioia per gli occhi (e non solo) :P
    anche io adoro i primi piselli che si trovano al mercato...sono così perfetti e con quel colore mi diverto da matti anche a fotografarli!!!
    un bacio ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, sono bellissimi (ma queste sono considerazioni che solo chi ha un foodblog può capire!)

      Elimina
  7. È l'una e potrei quasi sragionare, ma nemmeno più che non alle 10 del mattino, chessò, quindi vo di dita sulla tastiera liberamente e bòn.
    I pisellini fanno popeye the sailor man pupuuu, pommeriggi passati a sbaccellare con papà, mal di pancia da son più i piselli che hai trafugato che quelli che hai fatto cadere nella ciotola, e non è mica neanche detto che l'ordine sia strettamente quello di presentazione.
    E per la proprietà che vuole che chi vada con lo zoppo prima o poi inciampi nel bastone, per assonanza m'hai fatto venire voglia di quiche co' piselli, fromage blanc e la scorza di limone a listelle. Uhuuuu, roba di millemila anni fa. Ma tant'è.
    Poi mi taccio e ti mando un abbraccio cara la mia baT

    RispondiElimina
  8. (i pommeriggi sono quelli passati a mangiare patate. o mele, va avec)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...